Dentro la tana di Satana dove il famigerato assassino della scatola dei giocattoli ha torturato le sue vittime

Satans Den David Parker Ray AP.jpg

Di Radar Staff

La polizia ha aperto la porta agli orrori di Satan’s Den nel tentativo di trovare fino a 40 altre vittime del contorto 'Toy Box Killer' e spiceend.com ha le foto della scena del crimine agghiacciante.



Un decennio dopo David Parker Ray è stato condannato per torture sessuali e rapimento di donne nella piccola città di Truth Or Consequences, New Mexico, gli investigatori sono tornati alla ricerca di resti umani nell'area.

Parker è stato catapultato tra i ranghi di uno dei serial killer più raccapriccianti d'America quando sono emersi dettagli della camera di tortura fatta in casa che ha chiamato la sua 'scatola dei giocattoli' e ha speso $ 100.000 per equipaggiare i suoi 'amici', che includevano fruste, catene, pulegge, cinghie , morsetti, barre di sollevamento delle gambe e lame e seghe chirurgiche.

Le autorità hanno concentrato la loro ricerca martedì presso l'Elephant Butte Reservoir e le grotte vicine nella convinzione che Ray, morto in prigione nel 2002 mentre stava scontando l'ergastolo, abbia scelto il punto panoramico per smaltire innumerevoli corpi, segnalato il Los Angeles Times.



Circa 30 persone hanno perlustrato l'area dopo essere state informate che alcuni resti potrebbero essere stati sepolti lì, compresi quelli di 22 anni Jill Troia, scomparso nel 1995, ma finora tutto ciò che è stato trovato sono ossa di animali.

La roulotte di Ray era in vista del pittoresco bacino idrico e della scena dei suoi atroci crimini. La polizia ha scoperto la camera delle torture, soprannominata Satan’s Den a causa di un cartello scritto in rosso sul muro, dopo che una vittima vivente destinata alla morte è fuggita ed è stata trovata nuda, con indosso solo un collare e una catena borchiati, nel marzo 1999.

Rapito Cynthia Veglia era riuscita a liberarsi dalle sue catene e poi a pugnalare il complice di Ray, Cindy Hendy, al collo con un rompighiaccio prima di correre verso la libertà.



Ray e Hendy sono stati arrestati e la polizia ha continuato a fare scoperte agghiaccianti nella Tana, inclusi giocattoli sessuali, siringhe e diagrammi dettagliati disegnati dall'assassino che mostravano come aveva intenzione di tormentare i suoi prigionieri.

Tra le foto agghiaccianti della scatola dei giocattoli ci sono una bara rivestita di pelliccia dove Ray avrebbe posto le sue vittime per torturarle, e una scatola con un foro ritagliato dove avrebbe messo le loro teste dentro.

Un'altra inquadratura mostra strumenti di estrema sofferenza dolorosa come pinze, coltelli, uno stetoscopio, olio per bambini e un candelabro a forma di teschio, insieme a una videocamera per filmare l'intera prova.

Le prove e le testimonianze grottesche di Vigil e di altre due vittime sono state sufficienti per far condannare Ray a 224 anni nel 2001, nonostante non siano stati trovati corpi.

L'ultima ricerca è stata avviata dopo che Hendy, che ha ricevuto 36 anni per il suo ruolo nei crimini dopo aver accettato di collaborare, ha detto alla polizia che Troia è stata scaricata nel bacino idrico.

Troia è stata vista l'ultima volta nell'ottobre 1995 in un ristorante ad Albuquerque con la figlia di Ray, Glenda Jean Ray, con cui era uscita.

Nonostante le infruttuose ricerche di martedì, il portavoce dell'FBI Frank Fisher ha detto che non si arrendono. “Abbiamo in programma di tornare nel prossimo futuro per fare una ricerca più approfondita di alcuni punti lì. Ci sono alcune aree in cui vogliamo prenderci il nostro tempo ', ha detto il Los Angeles Times.